Skip to main content

In un settore storicamente dominato dalla presenza maschile, Feralpi Group punta ad introdurre almeno il 5% di forza lavoro di genere femminile

In un contesto italiano in cui la presenza femminile nei reparti produttivi della manifattura si attesta attualmente intorno all’0,5%, l’obiettivo di Feralpi Group è quello di incrementare la percentuale di lavoratrici nei reparti “core” degli stabilimenti almeno al 5%. Questi reparti includono la siderurgia primaria, e sono dunque fondamentali poiché responsabili della produzione e della laminazione dell’acciaio.

Commenta Antonio Cotelli, Direttore risorse umane di Feralpi Group:

“Con questo progetto scriviamo un altro pezzo del nostro percorso, in un’ottica strategica per essere precursori del cambiamento attraverso l’inclusione del genere femminile, in un contesto nel quale fino ad oggi sembrava impensabile. Siamo consapevoli che il nostro percorso sia molto ambizioso ma siamo altrettanto determinati a diffondere una cultura aziendale sempre più libera da discriminazioni e pregiudizi, capace di valorizzare le nostre persone, nel rispetto delle diverse identità. La siderurgia di oggi è fatta di innovazione, di digitalizzazione e automazione. Anche per questo vogliamo, e possiamo, contrastare ogni stereotipo”.

 

Un progetto di inclusione ma soprattutto di crescita culturale

Con questo ambizioso obiettivo Feralpi riafferma il proprio impegno nel favorire la diversità professionale e culturale all’interno dei propri team di lavoro, introducendo e accompagnando un numero sempre maggiore di donne in un settore storicamente dominato dagli uomini. Questa iniziativa – avviata presso lo stabilimento di Lonato del Garda e destinata a estendersi ad altri stabilimenti produttivi del Gruppo, ha visto l’inserimento di nuove colleghe in Feralpi Siderurgica. Il progetto si pone come obiettivo primario la promozione dell’uguaglianza di genere, trasformandola in un’innovazione sociale e in opportunità di sviluppo per l’intera organizzazione.

Arianna Visentini, CEO di Variazioni – partner tecnico che ha supportato Feralpi Group nel progetto, spiega:

 

“Iniziative di questo tipo sono parte di un profondo lavoro culturale che l’organizzazione deve compiere sui temi della DE&I. In quanto cambiamento culturale, fondamentale diventa l’accompagnamento degli stakeholder interessati perché agiscano coerentemente a quello che può essere definito l’orizzonte collettivo di senso, così che possano diventare progetti in grado di operare sull’empowerment di tutti i processi – non solo in riferimento ai nuovi inserimenti. Il caso di Feralpi lo dimostra chiaramente: questo accade quando la governance è consapevole del fatto che obiettivi di inclusione ed equità non sono meri costi, ma leve strategiche per raggiungere gli obiettivi di business.”

 

 

L’accompagnamento, in pratica

Per agevolare l’integrazione delle nuove figure professionali, il Gruppo ha recentemente integrato una figura manageriale dedicata alle attività di Diversity, Equity, Inclusion & Welfare all’interno della Direzione sostenibilità.

Attraverso un deciso impegno della governance, con comitati specializzati che si occupano di tutte le tematiche ESG, sono coinvolte le principali funzioni organizzative in incontri dedicati. Questi incontri prevedono momenti di dialogo, approfondimento e coaching di gruppo per affrontare le concrete sfide legate all’inserimento delle nuove collaboratrici e per superare eventuali resistenze, promuovendo così un cambiamento inclusivo.

 

Cambiamento verso l’inclusione: il percorso di Feralpi Group

Feralpi è l’unica realtà del settore siderurgico che, all’interno dell’Osservatorio D&I del Global Compact Network Italia, ha partecipato alla stesura delle linee guida, portando come caso di studio sia la propria policy D&I (stilata già nel 2020) sia l’attivazione del “Gruppo di Ambassadors D&I”. Quest’ultimo coinvolge diverse persone provenienti dagli stabilimenti italiani e internazionali, con l’obiettivo di impegnare e sensibilizzare i colleghi e le colleghe di Feralpi sul tema dell’inclusione. Gli ambassador, formati e sensibilizzati, sono chiamati a promuovere il cambiamento all’interno di tutta l’organizzazione.

 

L’aumento delle donne in produzione è dunque per Feralpi Group un obiettivo coerente con il suo ambizioso e lungimirante percorso di cambiamento verso l’inclusione.

Vuoi portare le pari opportunità nella tua organizzazione? Scrivici!

Se pensi che questo articolo sia stato utile

condividilo