LIBRO

Scopri il nuovo libro di Variazioni

Il primo libro di Variazioni

È ARRIVATO SMART WORKING MAI PIÙ SENZA.

Questo libro è una guida pratica per l’introduzione dello Smart Working in azienda e riassume tutto il lavoro che abbiamo svolto in questi anni in cui abbiamo consolidato un metodo di intervento applicabile alle organizzazioni aziendali.

Con questo libro vogliamo risolvere tutti i dubbi e rispondere alle domande di chi ancora non ha intrapreso questo processo di cambiamento ma anche di chi si è già lanciato nel mondo dello Smart Working.

Arianna Visentini & Stefania Cazzarolli

COSTRUIRE VALORE

UN NUOVO MODO DI LAVORARE

“Stefania Cazzaroli e Arianna Visentini sono state le prime a comprendere che un nuovo modo di intendere il lavoro non era solo un intralcio alle esigenze tecniche del business ma un modo per costruire valore con e per le persone dentro e fuori dall’organizzazione.

Passare dalla visione normativa che oggi sta rovinando il potenziale del cosiddetto Smart working alle riflessioni mai banali di questo libro può consentire di costruire quei business model del futuro che tutti stiamo cercando.”

Luca Solari

UNA GUIDA PRATICA PER IL LAVORO DEL FUTURO

Il libro propone un percorso di approfondimento e una guida pratica per l’introduzione dello Smart Working all’interno delle aziende. Il libro è edito da Franco Angeli ed è stato scritto dalle socie fondatrici Stefania Cazzarolli e Arianna Visentini con il contributo di consulenti ed esperti, la prefazione è a cura di Maurizio Del Conte e la postfazione è a cura di Luca Solari.

Attraverso l’esposizione di un metodo consolidato e perfezionato nell’arco di questi anni, un focus sui dati inediti emersi dalle nostre misurazioni e casi di successo dimostra come lo Smart Working debba essere considerato e utilizzato come uno strumento di impatto positivo per le organizzazioni.

“Smart Working: mai più senza” è un libro ricco di testimonianze che raccomandiamo non solo a chi sta disegnando soluzioni di People Management all’interno delle aziende ma anche a tutti quei profili con ruoli manageriali che necessitano di ridefinire le proprie skill e re-interpretare la propria funzione in un contesto che oggi è profondamente mutato.

LA RIVOLUZIONE DEL LAVORO AGILE

Innovare, digitalizzare i processi organizzativi, migliorare i sistemi di valutazione delle performance, creare contesti lavorativi all’insegna della fiducia, della collaborazione, della serenità sono gli input di un’evoluzione necessaria e inevitabile.
Per vincere la resistenza al cambiamento che caratterizza la gran parte dei contesti lavorativi, le autrici affrontano il tema con un approccio operativo e validato nel tempo sul campo. Il volume infatti propone un metodo consolidato adattabile per l’implementazione dello smart working e condivide strumenti affinati al fianco delle imprese. Ricco di numerosi casi aziendali, offre dati consistenti e inediti che dimostrano che il lavoro smart è non solo possibile, ma misurabile e generatore di numerosi vantaggi per l’organizzazione, oltre che per il lavoratore.
Cimentarsi nel percorso verso l’adozione del lavoro agile significa riaffermare gli obiettivi dell’azienda e dei team, agire sul senso più profondo del lavoro inteso come contributo al raggiungimento di un obiettivo comune, infondere una cultura dell’apprendimento continuo, darsi un’occasione per mettere a nudo le proprie fragilità organizzative correggendole o accettandole consapevolmente.
La sfida è ambiziosa ma, col metodo giusto, non impossibile.

Il libro di Variazioni sullo Smart Working

I casi studio

Nel libro troverai 6 esperienze aziendali di smart working seguite da Variazioni.

"Fin da subito, come Direzione Risorse Umane, abbiamo compreso e sposato la
valenza strategica dell’iniziativa, in assoluta coerenza con le nostre politiche di
valorizzazione e sviluppo delle persone. Lo smart working in UBI Banca è diventato
così anche uno dei modi per veicolare le nuove competenze richieste in un Industry
4.0: nello smart worker stimola capacità di pianificazione, organizzazione e
focalizzazione sull’obiettivo, negli smart manager stimola il ricorso ad un paradigma
di valutazione sempre più basato sul raggiungimento dell’obiettivo e non sulla
vicinanza fisica."

Cinzia Laura SalvettiUbi Banca

"L’adozione dello smart working è stata supportata con incontri dedicati ai
responsabili e ai collaboratori per comprendere come gestire e governare le sue
principali innovazioni. In primo luogo, la gestione della performance in relazione ai
temi legati al controllo, alla fiducia e alla responsabilità. L’esperienza ad oggi si è
rivelata sostanzialmente positiva generando una complessiva soddisfazione da parte
di tutti i target coinvolti. Il percorso di incremento dell’innovazione e del benessere
organizzativo continua; l’obiettivo è quello di creare le condizioni perché ognuno
possa esprimere al massimo il suo contributo alla vita dell’azienda anche grazie a
processi più smart."

Barbara SpangaroSEA, Aeroporti di Milano

"L’obiettivo che si intende perseguire, è di realizzare uno spazio di lavoro in grado di
liberare le potenzialità delle persone creando “esperienze” negli ambienti in cui
lavorano, imparano e collaborano, con la consapevolezza che gli ambienti devono
favorire le interazioni umane e le “collisioni” positive. La transizione fisica verso i nuovi uffici diventa una transizione anche culturale: innovare le modalità di lavoro e assumere un ruolo guida sul territorio."

Paolo PiantoniConfindustria Bergamo

"Dalla somministrazione della “Impact Survey”, un questionario di monitoraggio
dell’impatto dello smart working su lavoro, relazioni e persone, è emerso che “Lo
smart working è considerato utile e motivante sia per i manager che per i worker”.
Questa esperienza ci ha ancora una volta permesso di capire che la buona riuscita di
un progetto come lo smart working comporta, innanzitutto, un forte change
management di tipo organizzativo e culturale."

Monica MagriAdecco Group

"Questa filosofia – basata sui principi della responsabilizzazione, della fiducia, della
flessibilità e anche della meritocrazia – ha apportato una serie di benefici tangibili alla
vita lavorativa, da cui i dipendenti traggono indubbia- mente maggiore soddisfazione
e motivazione. Da qui la volontà di ripensare al tema del benessere dei dipendenti in
termini di work-life balance."

Pino Mercurigià Microsoft

"Quella che all’inizio del progetto era un’esperienza “di nicchia” è diventata negli anni
una modalità sempre più diffusa ed apprezzata, che, per effetto della contaminazione
benefica degli effetti prodotti, ha generato risultati virtuosi anche nell’apertura di
numerosi spazi di co-working diffusi nella Città che sono diventati a loro volta
occasioni di incontro, di scambio e di sinergia per le persone e le attività."

Marina Ristori e Roberto MunarinComune di Milano
Insightful philosophy

Scopri la nostra Mission

SCOPRI LA MISSION
Trasforma la tua azienda

Richiedi una consulenza

CONTATTACI